Ebbene si. Si aspetta tanto tempo un evento e poi vola via in un attimo.

Come prima cosa, ci teniamo a ringraziare VERTIGO per aver organizzato questo evento e per aver messo a disposizione gli ingressi omaggio vinti con il TRIVIUM ITALIA CHALLENGE.


LIVE REPORT: Trivium + Power Trip + Venom Prison.

di Davide Mondelli

Ciao Shoguns italiani, oggi vi proponiamo il nostro live report dell’unica data italiana del “The Sin And The Sentence European Tour”.
Di spalla ai nostri ragazzi troviamo due validissime band, i Venom Prison (U.K.) e i Power Trip (Texas).

VENOM PRISON:

La band gallese, capitanata da Larissa Stupar apre le danze al Phenomenon con il suo sound deathcore e con dei riff brutali, assalendo il pubblico con una performance così violenta (anche a causa dei volumi esagerati) da far tremare tutto il locale. L’effetto cercato dalla band è quello giusto, il pubblico si scalda a dovere ed applaude il quintetto per tutta la durata del loro show.

POWER TRIP:

Dopo i Venom prison tocca ai Power Trip, band texana che mescola in maniera ottima il sound hardcore al più classico thrash metal. I loro riff feroci e potenti, conquistano subito il pubblico che parte con il mosh pit e l’headbanging. Il frontman Riley Gale si esalta per la risposta avuta dalla gente italiana e non riesce più a star fermo per tutto il resto dello show.
Il sound dei texani (a volumi decisamente più umani) fomenta il pubblico in maniera incredibile, a tal punto che la gente sembra non averne abbastanza anche dopo la fine della loro performance. Il frontman della band prima dell’ultimo brano ringrazia il caloroso pubblico ed invita tutti a partecipare ai loro prossimi show Italiani.

TRIVIUM:

Ore 21:32 circa, partre come di consueto “Run To The Hills” degli Iron Maiden, canzone che fa da “apertura” ai concerti dei nostri ragazzi. Le luci calano, la band sale sul palco partendo immediatamente con “The Sin and The Sentence”. I ragazzi sono in ottima forma e lo dimostrano canzone dopo canzone sfoderando un’energia incredibile. Il pubblico si lascia trasportare da questa energia ed obbedisce ciecamente alle richieste di circle pit fatte dal nostro Heafy. Tra un pezzo e l’altro partono i vari cori da stadio per j membri della band ed il più classico “Olè Olè Trivium Trivium” che accompagna i concerti della band da ormai tantissimi anni. Ancora una volta i ragazzi rimangono piacevolmente colpiti dal pubblico italiano, che canta tutte le canzoni ed anche le parti di chitarra, cosa che loro amano alla follia. La setlist proposta è un mix di tutti gli album del quartetto di Orlando, con l’unica esclusione di Ember To Inferno.
La serata procede spedita ed i 90 minuti sembrano volar via in un battito di ciglia.
Il pubblico applaude senza sosta al termine dello show, già nostalgico e voglioso di un altro show.
Noi ringraziamo la band e come al solito tutti gli Shoguns italiani che hanno partecipato allo show, e speriamo di rivedervi alla prossima data!


SETLIST:

  • The Sin and the Sentence
  • Throes of Perdition
  • Betrayer
  • Ascendancy
  • Sever the Hand
  • Inception of the End
  • Until the World Goes Cold
  • Becoming the Dragon
  • Thrown Into the Fire
  • Strife
  • Caustic Are the Ties That Bind
  • The Heart From Your Hate
  • Beyond Oblivion
    Encore:
  • Shattering the Skies Above
  • Pull Harder on the Strings of Your Martyr
  • In Waves

STREAMING:


GALLERIE FOTOGRAFICHE ESTERNE

Phenomenon ( Facebook)
Metalitalia (foto)
Giada Conti Photos (foto)
Metalhammer.it (foto)

LIVE REPORTS

Metal Force (report + foto)